Come superare la paura dell’acqua

Come superare la paura dell’acqua

Paura dell’acqua? Non più con AcquaAmica®

Cosa è AcquaAmica®?

Se hai paura dell’acqua o di entrare in acqua, bassa o alta che sia, AcquaAmica è il programma speciale  ideato e brevettato da Paolo Cericola nel 2012.

AcquaAmica serve a far passare definitivamente la paura dell’acqua alle persone, in soli 7 giorni di lavoro.

C’è da precisare che questo non è un corso di nuoto.

Di corsi di nuoto ce ne sono a centinaia se non a migliaia da tutte le parti d’Italia e del mondo.

La paura dell’acqua non è più un problema

Quello di cui ti sto parlando è un programma unico al mondo, nato dall’esperienza fatta dopo 14 anni di Coccoloterapia® in acqua calda nel 1998.

Osservando lo strano comportamento di molte persone nonostante gli esercizi molto semplici e chiari fatti in acqua.

Per certe persone la cosa è veramente drammatica. Uno tra i tanti casi che mi ha fatto scattare il clic per inventare “AcquaAmica” è stato quello di Mara.

Mara era una infermiera milanese di 55 anni, che era venuta ad Ischia a fare una settimana di lavoro di gruppo insieme ad altre persone sue amiche.

Lei aveva fatto per tutta la settimana, tutti i lavori di gruppo che facevamo con il respiro fuori dall’acqua, facendo un gran bel lavoro a suo dire.

Lei aveva compreso e risolto alcuni problemi che si portava dietro da un pò, tra i quali solo dopo due giorni di lavoro, un mal di testa che si ostinava a non passare nonostante prendesse dei farmaci.

Però, e di questo me ne sono accorto solo dopo, perchè avevamo gruppi di 40 persone, lei non aveva mai partecipato ai lavori fatti in piscina.

Arrivò la fine della settimana e il gruppo doveva ripartire.

Voglio vincere la paura dell’acqua

Mara venne da me chiedendomi se era possibile rimanere un’altra settimana, ma questo era impossibile perchè avevamo un altro gruppo di 40 persone e l’albergo era strapieno e non sapevamo dove mettere le persone.

Lei implorò dicendo che avrebbe dormito anche per terra e poi mi disse che aveva osservato da lontano, tutti i lavori fatti in acqua e soprattutto le sedute individuali di Coccoloterapia® e che poi era andata a chiedere a tutti quelli che l’avevavo fatta, come stai, come è andata?

Tutti le rispondevano da Dio, wow è qualcosa di meraviglioso.

E lei mi disse che rosicava, avrebbe voluto farlo anche lei ma la sua paura glielo aveva sempre impedito.

Lei non era mai entrata in acqua in vita sua, dentro la vasca da bagno con 10 cm di acqua si sentiva affogare, non andava mai al mare nè in piscina con gli amici e amiche e questa volta era venuta ad Ischia per chissà quale miracolo, infine mi chiese se me la sentivo di lavorare con un caso disperato come il suo.

Ci riflettei su e ricordandomi quello che aveva fatto durante la settimana con il respiro e i risultati che aveva ottenuto, decisi di accettare di lavorare con lei.

Trovammo una sistemazione in  un altro albergo per lei e prendemmo un appuntamento, tre giorni dopo per fare il lavoro in piscina.

Quando arrivò il suo turno, non si vedeva all’orrizonte. Sono dovuto uscire dalla piscina per andare a cercarla, anche perchè avevo altre sedute dopo di lei.

Il terrore di entrare in acqua

La trovai terrorizzata e mi disse che non se la sentiva che non stava bene e un sacco di altre scuse.

Le dissi che se voleva io ero in piscina ad aspettarla e che se voleva rinuciare, aveva buttato un’altra settimana di tempo e una occasione d’oro per risolvere il suo problema di una vita e me ne andai lasciandola lì a piangersi addosso.

Sinceramente non pensavo sarebbe mai venuta. Quindi tornai in piscina e mi godetti l’acqua calda, tenendo sempre un occhio aperto per vedere quello che succedeva.

Dopo 25 minuti la vidi arrivare da lontano, ma non si avvicinava alla piscina. La chiamai per sapere cosa avevesse deciso e mi disse che avrebbe voluto farlo ma che aveva una paura folle, le dissi che avevo un’altra seduta dopo mezz’ora e che quella era l’ultima occasione perchè non avevo più posti disponibili per tutto il resto della settimana, quindi doveva veramente decidere.

Dopo qualche altra lacrima decise di entrare, però per entrare in piscina poichè l’acqua era alta 1.20 mt, c’era una scaletta a pioli con 4 scalini, ci mise un quarto d’ora per arrivare al fondo e aveva i capelli dritti, intorno c’erano gli altri partecipanti al gruppo che facevano foto, perchè non ci credevano.

Le spiegai cosa doveva fare ed iniziammo finalmente la seduta. Per farla breve andò a finire in un’altra vita dove era un uomo e capitano di una piccola nave e per un suo errore morirono tutti.

Finì la seduta che era tranquilla ed incredula, dicendomi ecco perchè ora faccio l’infermiera e cerco di aiutare gli altri.

Poi mi rinfacciò il fatto che non le avevo fatto fare le capriole sott’acqua come aveva visto farmi fare agli altri, ed allora brontolando scherzosamente che era incontentabile, la presi in braccio e le feci fare un pò di capriole sott’acqua,.

Tuffarsi in mare aperto da sola

Quando uscì era felice ed impazzita come una bambina che aveva un nuovo gioco, tutto intorno un tripudio di persone che le faceva le foto e i complimenti per il suo coraggio, lei continuava a dire che i suoi figli non ci avrebbero mai creduto e che l’avessimo drogata. Quando chiamo a casa raccontando il tutto, fu esattamente quello che i figli le dissero 🙂

ll giorno dopo uscì per fare un giro in barca con gli altri partecipanti e si tuffò da sola in mare aperto sotto l’occhio stupito di tutti, ovviamente con tanto di foto.

Ebbene questo e altri episodi simili mi spinsero come dicevo all’inizio ad inventarmi qualcosa di più specifico proprio per quelle persone che avevano tali difficoltà e che non sarebbero mai andate a fare un corso di nuoto ed anche andandoci non avrebbero mai risolto il loro problema, proprio perchè in quel lavoro nelle scuole di nuoto, non è previsto quello che può succedere a determiante persone.

Semplicemente non è il loro compito nè il loro lavoro.

Se anche tu hai provato qualsiasi cosa senza riuscire a superare la tua paura dell’acqua, oppure conosci qualcuno che soffre per questo problema, condividi questo articolo.

Se la cosa ti interessare e vuoi risolvere realmente anche tu i tuoi problemi con l’acqua vai alla pagina:
http://www.acquaamica.it/

Un abbraccio Creatura Meravigliosa

Paolo Cericola

Respiro cosa?

Respiro cosa?

Respiro cosa?

Una volta venne da me a fare una sessione di respiro, un prete in incognito e dopo avergli dato tutte le indicazione sulla seduta di respiro che si apprestava a fare, mi fece una domanda che mi parve strana:

Ma questa roba ha a che fare con la religione?

Non sapevo dove voleva andare a parare e la risposta che mi venne dal cuore fu:

Cosa è quella cosa che entra nella tua bocca, esce dalla tua ed entra nella mia, oppure dal cinese dall’americano o dell’esquimese dall’altra parte del mondo?

Io lo chiamo Dio, vedi un pò tu!

Fu come se gli avessi dato una mazzata in fronte rimase sconvolto, ed ancor di più quando respirò e tocco con mano il respiro.

Invocare Dio o no?  Respiralo!

Molti invocano Dio per chiedere aiuto in qualcosa.

Perchè invece non lo respiri per portarlo dentro di te?

Guarda il video e poi lascia un tuo commento e condividi per favore.

Puoi crederci o non crederci a me non interessa molto, io l’ho sperimentato tu puoi fare la stessa cosa, SPERIMENTARE!

Come sperimentare il tuo Respiro Originario?

Il tuo Respiro Originario lo puoi sperimentare in vari modi, ma il più semplice è sempre quello della seduta individuale fissata su appuntamento.

L’alternativa sono i seminari di un weekend oppure il Percorso di Crescita Personale di gruppo di un anno, così come le vacanze alternative che facciamo ad Ischia da 20 anni, molto dipende da te, se ti piace di più lavorare uno ad uno o piuttosto condividere con gli altri le tue emozioni ed esperienze.

Per saperne di più puoi leggere qui in questa pagina

Oppure puoi prenotare la tua seduta al 338-8188121 o scrivendo alla mail info@scuoladirespiro.com

 

Lascia pure un tuo commento e condividi per favore., Grazie

Un abbraccio Creatura Meravigliosa
Paolo Cericola

Iperventilazione

Iperventilazione

Iperventilazione e la  Paura di Respirare

Cosa ne pensa lei della “iperventilazione  è una delle domande che più spesso mi è stata fatta durante le conferenze e i seminari o durante i colloqui individuali in 35 anni, dove si sente nel tono di voce della persona tutta la paura collegata a questa parolona.

Tutti parlano dell’iperventilazione, dei pericoli che può comportare, ma, nessuno parla della “ipoventilazione” e dei pericoli che può comportare, perchè stanno messi tutti nella stessa situazione ma questo è “normale”

Ti consiglio di guardare il video e trarne le tue dovute riflessioni e poi se lo vorrai farmi domande qui sotto nell’apposito box.

Di Iperventilazione non si muore

Di respiro e respirazione non è mai morto nessuno! Garanzia a Vita

Si, si può morire di paura o di qualsiasi altra cosa, ma finchè respiri non puoi morire, quindi neanche di iperventilazione.

E’ necessario sperimentare ed iniziare a fidarsi del proprio respiro per scoprire quante altre cose ci sono e che non vediamo perchè non le conosciamo.

E’ lo spauracchio del secolo, perchè la maggior parte delle persone crede ea ciò che viene raccontato invece di sperimentare, quindi ti prego sperimentalo e dopo di che potrai dire si è vero oppure no, non è vero.

Se ti è piaciuto il video condividilo pure con i tuoi amici.

Oppure se hai qualche dubbio chiedimi pure qualcosa.

Se vuoi sperimentare la tua sessione di Rebirthing, Respiro della Memoria® a Parma o a Roma contattami.

Se invece ti interessa fare un Percorso di Crescita o una vera e propria Formazione Professionale leggi alla pagina Formazione e Percorso

Un abbraccio Creatura Meravigliosa

Come Superare gli Attacchi di Panico in modo Semplice, Facile e Naturale!

Come Superare gli Attacchi di Panico in modo Semplice, Facile e Naturale!

Oggi vedrai come superare gli attacchi di panico con due esercizi gratuiti, facili e incredibilmente veloci (già dai primi 2 minuti noterai una piacevole differenza.)

Devi sapere che fin troppo spesso gli attacchi di panico o di ansia oggi, vengono “curati” con antidepressivi e calmanti di ogni sorta. Ma questo praticamente equivale al “non curarli”, sono semplicemente dei tappi, un po’ come se la tua casa stesse andando a fuoco e tu invece di spegnere l’incendio, spegni il campanello di allarme perché il suo suono ti sta dando fastidio. (altro…)

La “Mente Razionale” un computer praticamente perfetto!

La “Mente Razionale” un computer praticamente perfetto!

La nostra “mente razionale” è situata nel nostro cervello recente ed è quella che ci permette di fare i calcoli, risolvere problemi, immaginare, ritrovare la strada di casa e tantissime altre cose.

Praticamente è un computer perfetto che, per come è concepito, non sbaglia mai, è in grado di fare dei calcoli impressionanti che più di qualche persona ci ha dimostrato.

In pratica “Noi non sbagliamo Mai!

Ma a questo punto tu potrai obbiettare: Paolo ma che ti sei fumato stamattina?

 

Ma che stai dicendo? Guardati un pò intorno!

(altro…)

Scuola Guida speciale per Ferrari Meravigliose

Scuola Guida speciale per Ferrari Meravigliose

Scuola guida Speciale per
Ferrari Meravigliose modello “Unico”

 

Quello che abbiamo tutti quanti fin dalla nascita è un “corpo straordinario“, fantastico e meraviglioso, per l’appunto usando una metafora, una Ferrari Meravigliosa “modello unico” e che ha in se un programma biologico e sensato di auto guarigione semplicemente stupendo, da quello che dicono in giro, creato a immagine e somiglianza del creatore.

(altro…)