Solo un salto

 

Solo un salto

Nel precedente articolo ho parlato della metafora dell’aereo che si abbina perfettamente con quest’altro argomento di cui parlerò oggi e cioè “Solo un salto”.

In realtà magari di salti dovrai e potrai farne più di uno, questo dipenderà solo da te.

Quello che ho visto nella mia abbastanza lunga esperienza sia personale sia lavorativa è, quanto sia facile mollare o abbandonare qualcosa che si è intrapreso, questo in molti ambiti sia di lavoro che di crescita personale e/o interiore, questo perchè molto spesso si vuole tutto e subito.

I cambiamenti quelli veri, arrivano solo alla fine di un percorso, ovvero quando non puoi più tornare indietro, perchè dietro non c’è più nulla che ti può aiutare, ormai è un deserto e magari sei arrivato davanti ad un dirupo.

Salto - Scuola di Respiro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tornare indietro o rimanere li dove sei, sai esattamente dove ti porta, sempre nello stesso posto, dove non trovi più nulla o quasi che ti faccia crescere o arrivare da qualche parte.

L’immagine qui sopra metaforicamente parlando è lo stato attuale di moltissime persone

Quello che è successo a me personalmente, quando andai a fare la mia prima seduta di Rebirthing, 35 anni fa. è stato che non mi spiegarono molto di quello che dovevo fare, mi dissero solamente che dovevo respirare continuamente ed in maniera circolare, ed io dissi: fico, che ci vuole.

Per la metà della seduta andè tutto bene, ma poi arrivò …

………TERRORE PURO …….

Mi sentivo morire, o morivo subito o dopo due respiri …

ovviamente di morire subito non è che proprio mi andasse molto e non sono potuto scappare perchè ero completamente paralizzato dalla testa ai piedi (oggi dico per fortuna), quindi con gran fatica continuai a fare quei due respiri che mi rimanevano.

Tra le altre cose spunto fuori una voce forte e chiara che disse: “Paolo questa è la strada!” Io pensai ma voi siete matti.

Alla fine della seduta si sciolse tutto e stavo “così meravigliosamente BENE” che in vita mia non avevo mai saputo, immaginato, sognato potesse esistere e, la prima domanda che mi nacqua spontanea fu:

Questa è la prima seduta e questo è il risultato, dopo che altro c’è?

Da allora in poi non ho quasi mai smesso di fare le mie sedute di respiro.

Molti arrivano a fare le sedute da me e quando li invito a fare un pacchetto di 21 o 10 sedute. mi dicono che si sento costrette o forzate a fare per forza le sedute.

Hanno già fatto la prima o la seconda, stanno bene, ma vogliono avere la via di fuga e non impegnarsi fino in fondo (per molti questa cosa è inconscia e non se ne rendono conto), ma qui arriviamo al punto del famoso salto di cui il titolo dell’articolo.

Se devi fare un salto di qualsiasi genere esso sia, “lo devi fare”, punto. Non esiste tornare indietro.

Guarda le immagini qui sotto:

Fare un salto come si deve ….

Salto - Scuola di Respiro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non esiste tornare indietro.perchè i risultati saranno inevitabilmente questi …

SaltoCorto - Scuola di Respiro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oppure rimani su quella sponda, non ci sono vie di mezzo o provo, esiste “Fare o Non fare”

È necessario sgombrare la mente da dubbi, paure, scetticismo e …

fidarsi del proprio respiro!

Nel breve video qui sotto alcuni piccoli spunti

Un abbraccio grande Creatura Meravigliosa

Paolo Cericola
l’esperto n° 1 in Respiro Originario®

 

 


Leggi anche questi Articoli: