Formazione Ostetriche, Doule e Ginecologi

Quella che ti propongo qui è una Formazione Alternativa e complementare, basata sull’esperienza: non è uno studio a tavolino o sui libri, ma si tratta di fare esperienze per compredere direttamente sulla tua pelle cosa accade durante una gravidanza e soprattutto durante la nascita di un nuovo essere.

Queste sono cose che non troverai in nessuna scuola di ostetricia o ginecologia.

Potrai trovarle in qualche libro, potresti capire, anzi sicuramente capirai, ma non potrai mai comprendere finché non ne farai esperienza. Ed una volta che ne farai esperienza, questa cambierà per sempre il tuo modo di essere e di lavorare.

 

ALLA CORTESE ATTENZIONE DI:

Doula, Ostetrica, Ostetrico, Ginecologa, Ginecologo o chi ne fa le veci

La vostra categoria è la più importante che possa esistere perché dal vostro comportamento, dalle vostre azioni e dalle vostre parole potete determinare il futuro, nel bene e nel male, di una persona.

A meno che la madre non abbia fatto una ottima preparazione, si trovi al sicuro nella sua casa e sia tutto molto tranquillo, nella maggioranza dei casi quando un bambino sta nascendo si trova in una situazione di pericolo, invaso com’è da molti stimoli e problematiche.

Ammesso che tutto vada bene senza grandi problematiche intorno, appena il bambino esce dalla pancia della mamma, ci sono una serie di invasioni con molti interventi clinici, tipo aspirare il liquido nel naso con una pompetta, tagliare il cordone ombelicale, fare la puntura sotto il piede per il prelievo di sangue, etc…

Dato che c’è questa convinzione imperante che “tanto sono piccoli e non capiscono niente” ci si permette di fare cose che ne a noi stessi né ad un altro adulto si farebbero, perché ci farebbero molto male o perché un altro adulto reagirebbe picchiandoci.

Hai mai provato a considerare che questo piccolo essere è stato ossigenato ed alimentato per “ben 9 mesi” attraverso il cordone ombelicale e non ha mai respirato con i suoi polmoni direttamente?

E credo tu sappia benissimo che l’ultimo organo che si forma nel nostro corpo sono proprio i polmoni, ed è per questo che i bambini nati prematuri si mettono in incubatrice.

Se si taglia il cordone ombelicale al piccolo essere appena nato senza dargli il tempo di imparare il giusto modo di respirare, lo si mette immediatamente sotto shock, con tutte le conseguenze inimmaginabili del caso.

Il piccolo essere viene messo immediatamente in bilico tra la vita e la morte: se respira prova dolore e paura, se non respira muore; da qui la scelta di moltissimi esseri di respirare lo stretto necessario per rimanere in vita (sopravvivere), invece di respirare pieno, ampio e fluido e VIVERE potentemente.

Altra considerazione che non viene mai fatta è che ben il 30% del sangue del bimbo rimane nel cordone ombelicale e nella placenta, con la conseguenza che questo piccolo essere sta morendo dissanguato appena nato!?!

Altra cosa, si stanno facendo studi scientifici (scientifici???) sulle cellule staminali che rimangono nel cordone ombelicale tagliato ai bambini nati, per aiutare coloro che stanno male. !?!

Scusate, ma non sarebbe il caso di lasciare al legittimo proprietario quello che gli appartiene invece di farne subito un malato cronico?

Nella nostra esperienza abbiamo avuto migliaia di persone che hanno rivissuto la loro nascita (attenzione: rivissuto, non ricordato, cioè hanno contattato il pacco di memoria dove era registrato l’evento, ed è come riviverlo di nuovo), e possiamo garantirti che, se i bambini appena nati potessero parlare, gli scaricatori di porto che hanno la fama di bestemmiare per l’appunto “come scaricatori di porto” al confronto sarebbero delle bambine ben educate.

Nella tua formazione professionale per ostetriche o comunque nella tua integrazione alla formazione professionale per ostetriche, per svolgere un lavoro eccellente con le tue assistite, ti consiglio di prendere in seria considerazione il lavoro con il Respiro della Memoria® e la Coccoloterapia® in acqua calda, da sperimentare dapprima su te stessa/o, in modo da “comprendere” cosa significa, e poi quando sarai pronto/a dopo opportuna formazione anche a far applicare alle tue assistite.

Per saperne di più sul parto dolce, o Lotus Birth, CLICCA QUI!

Hai varie possibilità di scelta per sperimentarti, dalle sessioni individuali ai seminari intensivi, alle settimane vacanze terapeutiche, al Percorso di Crescita Personale di un anno, per arrivare infine alla Formazione Professionale vera e propria.

 

Quindi “come fare per conoscere e sperimentare”? Contattaci per maggiori informazioni.